Sii gentile e abbi coraggio

Immagine

20 marzo, h 17:30 - Incontro con la Compagnia
21 marzo, h 17:00 - Spettacolo per le famiglie
22 marzo, h 09:00 e h 11:30 - spettacoli per le scuole

Regia e drammaturgia Orto degli Ananassi
Voice off  Ilaria Di Luca
Voice off Anne Frank bambina Margherita Paradiso
Attori sulla scena  Andrea Gambuzza e Ilaria Di Luca
Disegni di Alberto Pagliaro
Musiche di Ellie Young
Tecnica usata Teatro di figura, pop up

La Compagnia Orto degli Ananassi per il Teatro della Brigata presenta “Sii gentile ed abbi coraggio” tratto dal Diario di Anne Frank.
Una storia semplice da ascoltare, difficile da dimenticare: è il racconto dei due anni, tra il luglio del 1940 e l’agosto del 1942, di Anne, ragazza tedesca ebrea di tredici anni, costretta a rifugiarsi e a nascondersi con la sua famiglia negli ultimi due piani della ditta del padre ad Amsterdam in Olanda, per scappare dalle persecuzioni del regime nazista.
“E’ una testimonianza limpida, diretta, sorprendente, da parte di un’adolescente che racconta del proprio mondo interiore – affermano gli attori impegnati Andrea Gambuzza e Ilaria Di Luca – e portiamo sulla scena il suo modo così personale, brillante e ironico di resistere agli orrori della Storia di quel periodo, del suo tenace tentativo di rimanere felice e viva nonostante tutto. Nel rispetto di quei tragici eventi, il desiderio è quello di raccontare quella ferocia attraverso la meraviglia, l’innamoramento per la vita, più che indugiare sull’orrore e le ombre della minaccia antisemita, rievocando così la straordinaria sensibilità e forza di una delle personalità più importanti e toccanti della Resistenza al nazismo”.
Il linguaggio scelto è quello del teatro di figura. Un piccolo teatrino al centro del palcoscenico, un diorama, permetterà una narrazione visiva ed evocativa, di facile accesso per tutte le età. Attraverso gli struggenti disegni di Alberto Pagliaro, le musiche originali di Ellie Young, la narrazione si dipanerà fino al suo triste epilogo, cercando di offrire allo spettatore la riflessione che solo la cura e la bellezza del proprio animo possono rappresentare la difesa ai più ingiusti atti di violenza.